Apollo e Dafne

Eros dio dell’amore
Si divertiva a tutte le ore
A scagliare dardi fatati
Verso gli uomini rendendoli innamorati
Perché quando una freccia colpiva la vittima prescelta
Ogni difesa cadeva divelta
E il cuore si lasciava andare
Senza poter in alcun modo contrastare!
Ma a volte ahimè la piccola divinità
Dava segni di crudeltà
E scagliava frecce non di amore
Ma che rendevano freddo il cuore!
Così accadde a Dafne, ninfa meravigliosa
Che la freccia rese paurosa
Dell’amore del dio del sole:
Apollo che tanto la vuole.
La ninfa corse disperata
Alla madre chiese di essere aiutata
E quella, che freccia non confonde
Perché l’amore per un figlio ha radici profonde
Subito la trasformo’
In una pianta che alloro chiamò
E da quel giorno Apollo innamorato
Quella pianta ha sempre amato.

(Monica)

Miti in rima

Informazioni su dilloconunarima

Sono Monica, 37 anni, fiorentina, fiera ed innamorata della città del giglio. Amo tutto ciò che è fantasia e creatività. Adoro Walt Disney, Tolkien, Pollman e (come non farlo) Rowling. Ma sopra ogni cosa scrivo, scrivo filastrocche in rima, e lo faccio con così tanto amore che mi sono chiesta: "perché non scrivere un intero libro in rima?". Per il momento lascio il mio sogno nel cassetto, ma cercherò di rallegrarvi con i miei pensieri in rima quotidiani. Ben presto Vi farò conoscere Fiorenzo. Vi piacerà. Ne sono certa. ;)

Precedente Fammi un sorriso Successivo Inno al sorriso

Un commento su “Apollo e Dafne

  1. Alberto il said:

    Ciao Monica, buona serata :-)))

    Bellissima filastrocca, resa chiara dal ritmo birichino, che ti accompagna ogni mattino
    “Eros dio dell’amore
    si divertiva in tutte le ore
    ogni difesa cadeva
    e il cuore forte batteva”
    Questa storia d’amore è un’allegoria della castità, che vince sulla passione, rendendo eterno l’amore.

    Un grandissimo abbraccio a te e famiglia

I commenti sono chiusi.