Il pesciolino e il pescatore

Un giorno un pesce piccoletto
Abboccò ad un amo, poveretto
E vedendosi ormai spacciato
Si rivolse al pescatore disperato:
“Ti prego lasciami andare
Son piccolo, hai poco da mangiare
Quando più grande sarò diventato
Farai di me un pranzo prelibato!”
Il pescatore lo osservò attentamente
Quel pesce parlava argutamente,
Ma non lo avrebbero ingannato le sue parole
Aspettava un pesce da ore
E adesso che lo aveva pescato
Non lo avrebbe mai liberato
Perché chi del poco si sa accontentare
Di certo non potrà mai sbagliare
Chi aspetta cose grandi disprezzando le note
Resta invece con le mani vuote!

(Monica)

Favole in rima

Informazioni su dilloconunarima

Sono Monica, 37 anni, fiorentina, fiera ed innamorata della città del giglio. Amo tutto ciò che è fantasia e creatività. Adoro Walt Disney, Tolkien, Pollman e (come non farlo) Rowling. Ma sopra ogni cosa scrivo, scrivo filastrocche in rima, e lo faccio con così tanto amore che mi sono chiesta: "perché non scrivere un intero libro in rima?". Per il momento lascio il mio sogno nel cassetto, ma cercherò di rallegrarvi con i miei pensieri in rima quotidiani. Ben presto Vi farò conoscere Fiorenzo. Vi piacerà. Ne sono certa. ;)

Precedente L’aurora Successivo Buongiorno col sorriso

5 commenti su “Il pesciolino e il pescatore

  1. Franco il said:

    Buongiorno Monica, ti vorrei ringraziare, con le tue rime ci fai ragionare, argute allegre e leggere, ogni mattina le leggo con piacere

  2. come il pescatore si accontenta della preda abboccata per prima
    io resto pazientemente in attesa della tua prossima rima

  3. Nettuno il said:

    Il pescator si accontenta della preda abboccata per prima
    Io pazientemente aspetto la tua prossima rima

  4. Sergio il said:

    Bellissima anche questa tua fiaba, quasi commovente il pesciolino ma saggio e previdente il pescatore.
    Tu sai bene, Monica, mi conosci, sai che sono portato a cercare costantemente soluzioni e non demordo, sino allo sfinimento, hai imparato a conoscermi.
    Ecco quel pescatore aveva ormai pescato, sapeva che qualcosa aveva in mano e si è fermato; non è andato oltre, anche se spinto dalle parole astute del pesciolino.
    Saggezza e moderazione seppure nell’insistenza, quando lo scopo è stato raggiunto. Lasciamo le illusioni agli illusi.
    Fantastica filastrocca, degna della tua firma, cara Monica
    un abbraccio di buona notte
    ciao a presto

  5. Marta il said:

    Buona notte Momo, carissima, un bacione
    Mi hai stupito con un altro dei tuoi bellissimi racconti pregni di morale.
    Ora, è tardi, ma domani ne approfitterò per raccontarla ai bimbi, che di solito, appena sentono il tuo nome, strabuzzano gli occhi e ti pensano come si pensa ad una fata; la “fata delle favole”, l’angelo delle filastrocche fantasiose.

    Notte serena, cara, a domani :-DDD
    tua affezionata Marta

I commenti sono chiusi.