Orfeo ed Euridice

Viveva un tempo nell’antica Tracia
Un giovane famoso non certo per l’audacia
Ma noto a tutti per l’armonia
Della sua musica e poesia.
Orfeo era il giovane chiamato
E di Euridice era innamorato:
Una fanciulla dalla triste sorte
Perché col morso di una vipera trovò la morte.
Orfeo non si voleva dar pace
E negli inferi scese audace,
Ammansì con la musica i mostri infernali
E arrivato al cospetto dei regali,
Ade e Persefone esattamente,
Chiese indietro la sua sposa ardentemente.
Gli dei presi a compassione
Lo esaudirono ad una condizione:
Orfeo non si sarebbe dovuto voltare
Ma guardando avanti doveva camminare
Finché tra i mortali di nuovo giunto
Ad Euridice si sarebbe ricongiunto.
Avanzando senza sosta il nostro artista
Dallo sconforto fu preso alla sprovvista
E appena dal sole fu abbagliato
Pensando sulla terra di essere arrivato
di scatto ahimè si voltò
Ed Euridice agli Inferi tornò
Vide infatti nel voltarsi
L’ombra dell’amata dileguarsi.
Sulla terra Orfeo addolorato
Canto’ il suo dolore disperato
Ed ancora lo rammentano nel tempo moderno
Per le melodie rivolte al suo amore eterno.

(Monica)

Miti in rima

Informazioni su dilloconunarima

Sono Monica, 37 anni, fiorentina, fiera ed innamorata della città del giglio. Amo tutto ciò che è fantasia e creatività. Adoro Walt Disney, Tolkien, Pollman e (come non farlo) Rowling. Ma sopra ogni cosa scrivo, scrivo filastrocche in rima, e lo faccio con così tanto amore che mi sono chiesta: "perché non scrivere un intero libro in rima?". Per il momento lascio il mio sogno nel cassetto, ma cercherò di rallegrarvi con i miei pensieri in rima quotidiani. Ben presto Vi farò conoscere Fiorenzo. Vi piacerà. Ne sono certa. ;)

Precedente I due viandanti e l’orso Successivo Il camaleonte

5 commenti su “Orfeo ed Euridice

  1. Marta il said:

    Ciao
    un racconto triste, non ho parole per commentare questa fantastica filastrocca.
    Tutto ciò che finisce male mi rattrista.

    Ti auguro una giornata fruttuosa, cara Monica

  2. Albert il said:

    L’impazienza, quante volte ci ha tradito l’impazienza !
    Purtroppo siamo umani ed è raro conservare il sangue freddo, soprattutto quando ci sono di mezzo gli affetti dei nostri cari.

    Filastrocca favolosa, grazie Monica delle rime
    Buona giornata

  3. Sergio il said:

    Ciao cara Monica.
    Hai riportato fedelmente una storia della mitologia greca tra le più commoventi.
    Felice di averti letto, mi congratulo per i tocchi sapienti, coi quali hai colto i momenti e gli aspetti sentimentali.
    Con questo racconto il tuo blog si arricchisce ancora una volta.

    Buona serata e sereno fine settimana
    Riposati gentile amica
    Con simpatia :-)))

I commenti sono chiusi.