Il viaggio del fiume zuccheroso

Narrano che il fiume zuccheroso
Nasca in un posto lontano e ombroso
Proprio in cima alla Montagna Rocciosa
Che sovrasta ogni cosa.
Lassù infatti c’è una roccia
Da cui il fiume esce goccia a goccia
E un rigagnolo forma timidamente:
Quel luogo è chiamato sorgente!
Dapprima lento poi più vigoroso
Nella pianura il fiume poi giunge impetuoso
E salta allegro in una cascata
Che dei colori dell’arcobaleno è colorata,
Da lì corre verso la foce
Dove il fiume confonde la sua voce
Con quella del grande mare
Che ogni giorno lo sta ad aspettare!

(Monica)

Aspettando Fiorenzo...

Informazioni su dilloconunarima

Sono Monica, 37 anni, fiorentina, fiera ed innamorata della città del giglio. Amo tutto ciò che è fantasia e creatività. Adoro Walt Disney, Tolkien, Pollman e (come non farlo) Rowling. Ma sopra ogni cosa scrivo, scrivo filastrocche in rima, e lo faccio con così tanto amore che mi sono chiesta: "perché non scrivere un intero libro in rima?". Per il momento lascio il mio sogno nel cassetto, ma cercherò di rallegrarvi con i miei pensieri in rima quotidiani. Ben presto Vi farò conoscere Fiorenzo. Vi piacerà. Ne sono certa. ;)

Precedente Dillo con un verbo Successivo La bandiera della vittoria

4 commenti su “Il viaggio del fiume zuccheroso

  1. Giuseppe il said:

    Una rima che è una fiaba che porta colori e fa immaginar sapori..porta allegria perché fa compagnia.
    Porta buon stare perché si conclude al mare.
    Grazie Monica per averla inventata e che sia per te una buona giornata

    Giuseppe

  2. Franco il said:

    Dentro il fiume zuccheroso vive un pesce assai gustoso, le sue pinne appuntite son di zucchero candite ed il resto meraviglia tutto al gusto di vaniglia

  3. Sergio il said:

    Bello davvero questo torrente,
    che prima sgorga poi cresce forte, diventa un fiume che bagna la valle,
    si unisce ad altri allargandosi ancora, argini alti e letto possente,
    presto gli fanno da strada sicura,
    intimorisce quasi a guardarlo,
    mentre dai ponti calano le lenze,
    dei grossi pesci guizzano veloci,
    sembra procedere senza fermarsi.
    Porta la vita nutre le piante
    e la natura canta felice,
    siano gli uccelli o gli animali,
    bagna i canali per l’agricoltura,
    fa l’acqua buona per dare bottiglie,
    anche l’industria ne trae vantaggio,
    mentre le dona l’elettricità,
    che non inquina senza pietà.
    Infine stanco del grande lavoro,
    i campi ha bagnato tutto ha fornito,
    dentro in un mare va a riposare.
    ………..
    Bravissima Monica,
    dai sempre spunti di riflessione.

  4. Salvio il said:

    Credo che un posto del genere possa esistere, basta solo cercare ed immaginare . Brava Monica!!

I commenti sono chiusi.